INCONTRO

VII Incontro Internazionale della Scuola di Psicoanalisi dei Forum del Campo Lacaniano "Ortodossia ed Eresia-conoscenza in psicoanalisi"

Presentazione

Ogni due anni, alternandosi da una parte e l’altra dell’Atlantico, un Rendez-vous internazionale riunisce i membri della IF e della Scuola intorno ad un tema stabilito nel precedente Rendez-vous

Prima di ogni Rendez-vous vengono pubblicati sulla mailing list dei membri e sul sito i lavori preparatori. I contributi presentati durante il Rendez-vous saranno pubblicati nella Rivista Eterità in formato elettronico.

Ogni Rendez-vous è l’occassione per riunire le assemblee dell’IF e della Scuola, il cui obiettivo è quello di regolare l’orientamento e il funzionamento sull’esperienza fatta e sull’evoluzione delle situazioni.

ORTODOSSIA ED ERESIA

I SAPERI NELLA PSICOANALISI

Dall’ortodossia come opinione giusta -o vera[1]– all’eresia come scelta singolare de «la via per la quale prendere la verità [2]», possiamo pensare la psicoanalisi a partire dai diversi saperi che essa mobilita nell’esperienza e nella sua trasmissione.

Il sapere, nell’insegnamento di Lacan, non è univoco. C’è il sapere uscito dall’inconscio-linguaggio, il «sapere senza soggetto», il sapere testuale, il sapere referenziale[3], il sapere teorico, il sapere clinico, il saper-fare, il «sapere goduto», il «saperci-fare»…

Una riflessione sui saperi in gioco nella psicoanalisi consentirebbe di ripensare l’esperienza analitica, dal legame analizzante-analista a quello del passant al cartel della Passe, nonché l’esperienza di Scuola e l’elaborazione che vi circola. In che modo il sapere teorico si presenta nella clinica? Come il sapere portato dal passant fa ritorno nella Scuola attraverso la formalizzazione di un’esperienza singolare? Come rendere trasmissibile ciò che del sapere sul reale si decanta nell’esperienza?

Noi desideriamo, pertanto, mettere in questione i diversi saperi che attraversano la nostra pratica, prendendo in considerazione il non-tutto e l’impossibilità che il reale vi introduce. Come trarne un orientamento senza renderlo dogma né rendere dogma il non-dogma? Come ha proposto Lacan, essere eretico nel modo giusto [4].

Beatriz Maya ed Elisabete Thamer

Segretari del CIG (America ed Europe)

[1] Lacan, «Lo stordito», in Scilicet 4, Feltrinelli, Milano 1977, p. 382; Altri scritti, Einaudi, Torino 2013, p. 482

[2] Lacan, Il seminario, Libro XXIII, Il sinthomo, Astrolabio, Roma 2006, p. 13.

[3] Cf. J. Lacan, «Prima versione della ‘Proposta del 9 ottobre 1967 sullo psicoanalista della Scuola’», in Altri scritti, op. cit., p. 574.

[4] Lacan, Il seminario, Libro XXIII, Il sinthomo, op. cit., p. 14.